X

About the Project

OR NOT 10 – Silvia Trappa

Nel numero 10 di Or not parliamo di scultura, ma anche di ritratto e delle differenze tra il ritratto realistico e quello psicologico, attraverso il lavoro della scultrice Silvia Trappa.
Silvia Trappa, la nostra protagonista, si divide da alcuni anni tra il Giappone e l’Italia e nelle sue opere non si può dire che il Giappone non abbia lasciato traccia: lo si ritrova nella leggerezza delle sue sculture, ma anche nella linea pulita delle grafiche e dei collage, dove i quotidiani giapponesi ed i bioadesivi utilizzati dagli studenti di là  hanno preso il posto ai colori.
Scultrice, ma anche grafica e disegnatrice, la Trappa parte spesso da un schizzo , da un’impressione gettata sulla carta dei personaggi che vuole raccontare, per poi materializzarli in longilinee silhouette in resina o anche in carta.
Curatrice del numero è Sarah Corona, anche lei cosmopolita e globe trotter, critica italo tedesca che divide la propria vita tra l’Italia e New York e si occupa di arte contemporanea in tutte le sue forme espressive.
Nel numero parliamo anche sapete di cosa? Di santità  e di femminilità  e del ruolo, anzi dei tanti ruoli della donna nell’epoca contemporanea e lo facciamo presentando in esclusiva la nuova serie di sculture della Trappa dal titolo Nuove Sante.
Contributors del numero Simone Couto, Marco Guagni e Gianluca Mercadante.

P.s. Ogni rivista è unica per materiali, impaginazione, caratteri scelti insieme all’artista. In questo numero di 80 pagine la grafica è stata curata come di consuetudine dall’artista insieme a Chiara Guaita di room225 che da anni collabora con arsprima. Il numero 10 ha un magico tocco di rosso che accompagna tutte le pagine.

Categories :

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. dettaglio

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora si acconsente a questo.

Chiudi