X

About the Project

Or Not 11 – Pietro Mancini

Un numero speciale l’11 di OR NOT, o meglio il numero 1+1.
Infatti, parlando dell’artista Pietro Mancini trattiamo anche di OFFICINA TOM, un collettivo di artisti di cui Mancini è da alcuni anni direttore artistico e formato da alcuni utenti dei centri diurni dei Dipartimenti di Salute Mentale di Pomezia, Anzio, Laurentina e Velletri, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Primo Sole.
Mancini è artista di rara sensibilità , che da anni si concentra sulla ricerca di quel fanciullino che è in noi. I suoi lavori sono profondi ma dotati di una rara e disarmante leggerezza. Quell’insostenibile leggerezza dell’Essere.. Partendo dalla fotografia, Mancini rielabora i fotogrammi sovrapponendo tratti geometrici, forme, segni, simboli, loghi e allumini, in un gioco di equilibrio armonico tra di loro. Il risultato sono immagini evocative di atmosfera metafisica.
La generosità  di questo talentuoso artista, lo ha portato a svolgere anche l’attività  di insegnante all’interno dei laboratori artistici dei centri diurni e da lì, su sollecitazione di Cristina Gilda Artese, qualche anno fa si è formato un vero e proprio collettivo di artisti.
Un numero che tratta di Mancini ma anche di Officina Tom, che affronta i temi cari all’artista ma che racconta anche quanto l’arte possa essere importante quale forma di terapia e come possa essere in qualche modo trasversale e senza confini.
Curatrice del numero è Laura Luppi, che ha voluto dare voce agli utenti di Officina Tom in una sincera e galoppante intervista, ma anche agli psicologi, ai responsabili e infermieri.
Al’interno un’intervista “camminando sott’acqua” a cura di Gianluca Mercadante: scoprite perché!

 

P.s. Ogni rivista è unica per materiali, impaginazione, caratteri scelti insieme all’artista. In questo numero di 80 pagine la grafica è stata curata come di consuetudine dall’artista insieme a Chiara Guaita di room225 che da anni collabora con arsprima. Mancini ha simpaticamente ed elegantemente accompagnato le pagine con un simbolo che sintetizza l’opera in copertina. Una libellula svolazza tra una pagina e l’altra..

Categories :

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie. dettaglio

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto", allora si acconsente a questo.

Chiudi